dal Territorio
Siccità: Cia Grosseto, agire subito prima che sia tardi
23 Febbraio 2021

Mettere in sicurezza i fiumi e costruire bacini di accumulo. Le proposte dell'Organizzazione

"Il Covid e i problemi nati a seguito della pandemia non devono far passare in secondo piano importanti questioni, come quella  idraulica e quella legata alla siccità, che sono la causa di ingenti danni all’ambiente, ai cittadini e alle aziende agricole.  Negli ultimi anni abbiamo assistito a periodi di forte piovosità alternati a mesi di aridità durante i quali l’acqua è stata scarsissima; trovare un modo per limitare i danni da alluvioni e per custodire questo bene prezioso è dunque una delle sfide che la politica, il mondo scientifico e quello agricolo devono affrontare -commentano Claudio Capecchi ed Enrico Rabazzi rispettivamente presidente e direttore di Cia-Agricoltori Italiani Grosseto-. Bisogna attivarsi ora per evitare di piangere nei prossimi mesi; dobbiamo mettere in atto una coerente politica delle acque che vada ad arginare i danni da esondazioni, che possa garantire un aiuto in caso di incendi e che sappia rispondere alle necessità di irrigazione". 

"Come più volte richiesto, da una parte serve una costante e attenta 'pulizia' e messa in sicurezza dei fiumi per ottimizzare il convogliamento delle acque e garantire un loro regolare percorso in caso di precipitazioni abbondanti, dall’altra bisogna pensare di costruire bacini di accumulo per far fronte ad eventuali calamità e per evitare il dissesto idrogeologico. Dobbiamo attivarci ora e dare risposte immediate prima che sia troppo tardi -insistono Capecchi e Rabazzi-. Come Confederazione avevamo sostenuto una idea interessante, mai concretizzata, sulla possibilità di costruire un invaso nella zona di Pantano nel Comune di Pitigliano. Certo serve analizzare la sua fattibilità e approfondire lo studio presentato, sarà necessario  intercettare le risorse, come quelle dal Piano Irriguo Nazionale e avere un coinvolgimento-accordo tra tutti gli attori interessanti, ma crediamo che quanto presentato potrebbe essere un buon punto di partenza e meriti un ulteriore attento approfondimento. Riteniamo, infatti, che l’area in questione, particolarmente ricca di acqua, potrebbe essere ideale per ospitare un invaso e dare risposte all’agricoltura del comprensorio, ai cittadini e, non ultimo, potrebbe essere un volano economico per quella zona. Riprendere questa proposta o altre simili potrebbe dunque essere utile perché i mesi caldi stanno per arrivare e la questione non può più essere rimandata. In altre parole -concludono i dirigenti di Cia Grosseto- se vogliamo salvare la nostra agricoltura e tutelare il nostro patrimonio ambientale dobbiamo partire dalla manutenzione degli alvei dei fiumi e dei torrenti necessaria per far defluire l’acqua senza pericoli per i cittadini e le aziende, ma contemporaneamente, servono investimenti per quelle infrastrutture idriche che in estate possano raccogliere le acque e favorire l’irrigazione e nei mesi invernali agevolare la regimazione delle acque e il naturale deflusso verso valle evitando possibili alluvioni e i conseguenti danni”.


Tags: #acqua #dissestoidrogeologico #siccità

Mondo CIA

Copyright © 2017 Cia, All Rights Reserved. Cia-Agricoltori Italiani. Via Mariano Fortuny, 20 - 00196 Roma tel. 06 326871 cf: 80213630587 - Created by Web Agency Interact SpA 2017