20 Febbraio 2024 | dal Territorio

Siccità: Cia Etruria, confronto con Consorzio e Comune Campiglia Marittima

#acqua #emergenza #siccità
Condividi

Si è svolto ieri mattina un incontro richiesto da Cia-Agricoltori Italiani Etruria presso il Consorzio di Bonifica 5 Toscana Costa. Presente anche la sindaca di Campiglia Marittima Alberta Ticciati per affrontare un tema centrale per l’agricoltura come quello della siccità.

“Siamo seriamente preoccupati per le scarse precipitazioni di questi mesi -ha detto Cinzia Pagni, presidente Cia Etruria- l’acqua sarà fondamentale in vista della produzione estiva delle nostre aziende. E’ giusto riflettere con il Consorzio di Bonifica e il Comune di Campiglia Marittima su quelle che potrebbero essere le criticità della prossima stagione in modo da lavorare sin da adesso per riuscire a prevenirle così da permettere agli agricoltori di svolgere la propria attività più serenamente. Sono felice di constatare- ha aggiunto- che ho trovato piena intesa tanto sugli obiettivi quanto sulle criticità da risolvere”.

L’incontro è stata anche l’occasione per portare alla luce alcuni problemi per i quali va cercata una soluzione, tra i quali la mucillaggine che spesso nel periodo estivo fuoriesce dalle manichette dell’acqua utilizzate dagli agricoltori. "Sulla gestione della risorsa idrica il Comune e il Consorzio di Bonifica hanno lavorato molto- ha dichiarato Ticciati- basti pensare all’intervento innovativo di riutilizzo delle acque reflue, uno dei primissimi interventi di questo tipo effettuati in Italia, del depuratore di Guardamare di San Vincenzo che va a miscelarsi con le acque del laghetto di Tufaia da cui il Consorzio pompa l’acqua per distribuirla alle aziende agricole del territorio".

"Dopodiché -ha continuato- è anche giusto affrontare i problemi che ci vengono segnalati, in particolare gli agricoltori riferiscono che talvolta durante il periodo estivo l’acqua arriva alla manichetta facendo un po' di mucillaggine, cosa che crea un intasamento della manichetta e quindi un danno per i produttori. Mi impegno personalmente- ha concluso Ticciati- a confrontarmi con Asa sollecitando l’azienda su queste criticità affinché vengano risolte quanto prima”. Nel frattempo si sta concludendo anche l’iter avviato per la questione relativa alla titolarità dei laghetti di Tufaia, invasi artificiali che dal Cigri sono passati ad Asa la quale ha proposto che vengano rilevati da un altro soggetto, ovvero la Regione Toscana che andrà poi ad attribuire la gestione di quelle acque al Consorzio di Bonifica.

“Queste problematiche si stanno protraendo da qualche anno -ha detto Giancarlo Vallesi, presidente Consorzio Bonifica 5 Toscana Costa- e spero davvero si giunga presto ad una soluzione evitando ulteriori rallentamenti. Quanto all’incontro sono felice di potermi confrontare con istituzioni ed associazioni per capire meglio le eventuali deficienze da correggere e poterci così migliorare. Da parte nostra c’è la totale disponibilità a collaborare con tutte le parti per arrivare alla prossima estate più serenamente possibile, poiché purtroppo in caso di forte siccità non è mai possibile dare una totale rassicurazione”.


Seguici su