Attualità
Peste suina: accordo tra Mipaaf e Regioni coinvolte su azioni e risorse
25 Gennaio 2022

Incontro tra Patuanelli, Speranza, Toti e Cirio. Pronti 50 milioni per imprese danneggiate, ora via a nomina Commissario

Raggiunto l'accordo sulle prossime mosse da attuare a sostegno delle imprese della filiera suinicola del Nord-Est, che stanno subendo gli effetti delle misure adottate per contrastare la PSA.

Si è tenuto, presso il Mipaaf, l’incontro tra il ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli, il ministro della Salute Roberto Speranza, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio. Al centro gli strumenti normativi necessari a gestire le azioni di contrasto e a sostenere le aziende interessate dalla crisi legata alla Peste suina africana.

Le misure adottate dal Ministero per il contenimento e l'eradicazione della malattia dei suini domestici e selvatici in Piemonte e Liguria, infatti, mettono a dura prova le attività produttive e commerciali.

L'accordo sulle norme e sugli strumenti permetterà, quindi, di nominare come Commissario straordinario interregionale un responsabile dell'Istituto Zooprofilattico, già attivo nel contrasto alla malattia, nonché di definire le modalità, gli ambiti e i criteri di distribuzione dei ristori, che ammontano a 35 milioni di euro per l’anno 2022. La loro entità è stata al momento definita nell'ultimo Decreto Ristori, in cui sono stati destinati complessivamente 50 milioni di euro. Oltre ai fondi per indennizzare gli operatori della filiera danneggiati, ci sono anche 15 milioni di euro per il rafforzamento degli interventi strutturali e funzionali in materia di biosicurezza e biosorveglianza.

Le misure approvate costituiscono aiuti concreti agli allevamenti -spiega il Mipaaf- e sono il segno della vicinanza del Governo alle aziende della filiera suinicola e dell'indotto ad essa collegata, per contenere i danni che possono derivare dal blocco alla movimentazione degli animali e delle esportazioni di prodotti trasformati.

Ora il dialogo tra ministri, presidenti di Regione e istituzioni proseguirà per definire ulteriormente le misure e gli strumenti normativi per evitare il passaggio della malattia a suini e cinghiali allevati, per liberare il mercato agroalimentare da limitazioni, per evitare ripercussioni sulla percezione della filiera della carne da parte dei consumatori e per indennizzare le aziende danneggiate.


Tags: #zootecnia #agricoltura #allevamenti #animaliselvatici #emergenza #malattie

Mondo CIA

Copyright © 2017 Cia, All Rights Reserved. Cia-Agricoltori Italiani. Via Mariano Fortuny, 20 - 00196 Roma tel. 06 326871 cf: 80213630587 - Created by Web Agency Interact SpA 2017