03 Ottobre 2023 | News

Peronospora: con Dl Asset altri 6 milioni per le aziende viticole danneggiate

#malattie #istituzioni #uva #viticoltura
Condividi

Approvato l’emendamento che incrementa il sostegno agli interventi previsti dal Fondo di solidarietà nazionale

Arrivano altri 6 milioni di euro per gli interventi previsti dal Fondo di solidarietà nazionale a sostegno delle aziende viticole danneggiate dalla peronospora. E’ stato approvato l’emendamento al Dl Asset che porta così a 7 milioni di euro l’ammontare complessivo al momento messo a disposizione dal decreto (primo stanziamento pari a 1 miliardo di euro).

Per le imprese agricole che vinificano, inoltre, solo per il periodo vendemmiale 2023 sarà possibile omettere in etichetta l’indicazione dell’annata di produzione delle uve a condizione che il 70% delle uve utilizzate siano state vendemmiate nel corso del corrente anno. Mentre per potenziare il controllo sulle superfici coltivate, per il 2023 viene assegnato ad AGEA un importo pari a 2,5 milioni di euro. 

Contestualmente, è stato rinnovato l’input a lavorare sulla prevenzione e sulla ricerca con un ruolo importante giocato dalle Tea che sulla vite hanno già fatto registrare in laboratorio risultati significativi.

“Governo in prima linea per sostenere il settore vitivinicolo" ha commentato il ministro dell’Agricoltura e della Sovranità alimentare, Francesco Lollobrigida, anche in occasione degli Stati generali del vino indetti dalla rappresentanza italiana di Parlamento e Commissione Ue, lo scorso 29 settembre in Campidoglio, dove ha ribadito che "lo stesso Parlamento europeo ha accantonato alcune opinioni non condivisibili, come il divieto di promozione del vino, ma dovrebbe fare di più per far rispettare la libera circolazione e vietare etichette allarmistiche. Dovrebbe ragionare su etichette che informino sul corretto uso di qualsiasi alimento, compreso il vino".

Quanto alla promozione, "con il bando Ocm vino -ha aggiunto- abbiamo creato un procedimento che garantisce la trasparenza, necessaria in ogni azione che preveda uno stanziamento economico europeo, soprattutto a seguito di problematiche che hanno fatto perdere risorse all'Italia".


Seguici su