16 Giugno 2023 | News

Pensioni: Anp-Cia incontra i parlamentari. Al via la road map sul territorio

#istituzioni #anziani #donne #giovani #pensionati #pensioni #territorio
Condividi

Mobilitazione nazionale verso la prossima legge di Bilancio. Documento di proposte e richieste anche su donne, giovani e aree interne

L’aumento delle minime e la restituzione del giusto valore a tutte le pensioni, la riforma di Opzione donna, la pensione di garanzia per i giovani e il rilancio delle aree interne, sono queste le macro-questioni al centro della nuova mobilitazione nazionale di Anp, l’Associazione nazionale pensionati di Cia-Agricoltori Italiani che in vista della prossima legge di Bilancio, inaugura una fitta road map di incontri e dibattiti con i parlamentari sul territorio.  

In tutta Italia, le rappresentanze regionali, provinciali e locali di Anp-Cia, porteranno sui tavoli del confronto istituzionale il documento programmatico messo a punto dall’Associazione per il Governo e il Parlamento. Una piattaforma di proposte e richieste che, lungo tre assi d’intervento, partono dalla necessità di avere pensioni dignitose, servizi sociosanitari efficienti, soprattutto nelle aree interne e rurali, per poi sottolineare l’urgenza di politiche di sostegno per un invecchiamento attivo, e in sostanza, per valorizzare il ruolo sociale dell’anziano nella società.

PENSIONI DIGNITOSE - Centrale il tema delle pensioni minime, questione irrisolta nonostante lo sforzo, pur apprezzato da Anp-Cia, fatto con l’ultima legge di Bilancio. Vanno alzati gli assegni ad almeno 780 euro al mese e, comunque, a un importo non inferiore a quanto indicato dall’Europa riguardo la soglia di povertà e rispetto alle pensioni di cittadinanza. Oggi, i pensionati con un trattamento al minimo, più di 2 milioni e mezzo di persone, non sono nella condizione di soddisfare le esigenze basilari, mentre il perdurare della crisi energetica, l’aumento del costo della vita e l’inflazione, aggravano lo status quo.

PIÙ TUTELE PER DONNE E GIOVANI - Nel documento di Anp-Cia, il richiamo forte anche alla misura Opzione donna, perché venga totalmente riformata per renderla accessibile ed evitare la “punizione” di un calcolo interamente contributivo degli assegni, già magri, delle lavoratrici. Parallelamente, i giovani per i quali viene sollecitata una vera pensione di garanzia, con la previsione di una quota base minima, e la richiesta di ridurre il carico impositivo per gli under 40 che creano nuove imprese. Poi, manca ancora il riconoscimento dell’attività agricola come lavoro gravoso e usurante, attingendo ai benefici di legge connessi (Ape sociale) per anticipare la pensione e l’azzeramento dell’Imu sui terreni agricoli per tutti i pensionati ex agricoltori, non più iscritti alla previdenza.

AREE RURALI DA RILANCIARE - Il Pnrr non è una nuvola, sostiene Anp-Cia perché, se ben gestito e realizzato nei tempi previsti, può essere in grado di soddisfare le aspettative dei cittadini. In particolare, a cominciare dalle aree interne, intervenendo sul Sistema sanitario nazionale. Serve un piano sociosanitario con strutture ambulatoriali, case della salute di prossimità, potenziamento dell’assistenza domiciliare, servizi di telemedicina, reti sociali e di volontariato, effettivamente valorizzate. C’è un’Italia di serie B, con ben 3.834 comuni, il 48,5% del totale, lontani dai servizi essenziali, ospedali, ma anche scuole e ferrovie che diversamente garantirebbero la tenuta, evitando il rischio spopolamento, di tante comunità in collina e montagna. Bisogna lavorare per l’ammodernamento delle infrastrutture nelle aree interne e realizzare sportelli digitali della Pa.

“Sono tutte sfide che dobbiamo vincere adesso -commenta il presidente nazionale di Anp-Cia, Alessandro Del Carlo-. Non abbiamo mai abbandonato queste nostre battaglie, ma è tempo di rinnovare le occasioni di confronto istituzionale, rafforzando l’azione dell’associazione sul territorio, attraverso incontri mirati con i parlamentari. L’obiettivo -spiega Del Carlo- è lavorare insieme su argomenti decisivi, come la condizione sociale e la qualità della vita di milioni di anziani, anticipando l’appuntamento con la prossima Legge di Bilancio”.


Seguici su