02 Dicembre 2022 | dal Territorio

Manovra: Inac-Cia, migliorare Opzione Donna, ma giusto non colpire chi è senza figli

#lavoro #donne #pensioni
Condividi

Il Patronato auspica ragionevoli condizioni economiche per la pensione anticipata delle donne

"L’Opzione Donna, che avrebbe messo su due livelli diversi le donne mamme dalle altre, sui requisiti richiesti per fare domanda di pensione anticipata, dovrebbe essere stata scongiurata. Sembra, a tal proposito, che nel Governo ci sia stato un repentino ripensamento e abbia prevalso il buon senso: quella che sarebbe stata un'ingiustizia non è più contenuta nel testo della Legge di Bilancio che dovrà essere posto nell’iter di approvazione”. E’ quanto rileva il Patronato Inac-Cia per voce del presidente Alessandro Mastrocinque, che aggiunge: “Da subito, analizzando il testo delle prime bozze circolate nelle scorse settimane, abbiamo evidenziato con forza che la misura Opzione Donna, con le modifiche introdotte, privilegiando le mamme lavoratrici era inaccettabile. E’ molto positivo invece che l’Esecutivo, guidato da Giorgia Meloni, di concerto con il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Marina Calderoni, abbia tolto quella parte nell’articolato e, anzi, confidiamo che si stiano contestualmente cercando le risorse per offrire l’opportunità, a tutte le donne lavoratrici, di poter scegliere di andare anticipatamente in pensione, rinunciando a una minima parte dell’assegno previsto".

"Perché -conclude il presidente dell’Inac-Cia- per rendere più attrattiva questa misura è necessario che generi una pensione adeguata a garantire una qualità della vita dignitosa. Infatti, qualora Opzione Donna rimanesse com’è, ovvero eccessivamente penalizzante a livello economico, continuerà, come in passato, a non trovare riscontro positivo tra le lavoratrici, che non aderiranno a questa possibilità pensionistica prevista nel diritto di legge, in quanto ritenuta non sostenibile".


Seguici su