Attualità
Lavoro: da Inail 65 mln per salute e sicurezza in micro e piccole aziende
07 Luglio 2020

Dal 15 luglio al via la procedura per la presentazione delle domande

Accrescere sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. E’ questo l’obiettivo del contributo a fondo perduto messo in campo dall’Inail per l’ammontare complessivo di 65 milioni di euro. E’ destinato a micro e piccole aziende e le domande per usufruirne potranno essere inviate, via telematica, a partire dal 15 luglio.

Nel dettaglio, si tratta del nuovo avviso pubblico Isi Agricoltura 2019-2020 che sostiene con incentivi, l’acquisto o il noleggio, con patto di acquisto di trattori e macchinari sicuri e meno inquinanti e fa seguito alla revoca del bando Isi 2019, prevista nel decreto Rilancio per finanziare la realizzazione di interventi straordinari anti-Covid nei luoghi di lavoro. A un mese e mezzo dall’emanazione del decreto Rilancio, con l’avviso pubblico Isi Agricoltura 2019-2020, l’Inail mette a disposizione 65 milioni di cui 20 milioni finanziati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

“Ci siamo subito attivati -ha spiegato il presidente dell’Inail, Franco Bettoni- per la predisposizione di un nuovo bando che consentisse l’assegnazione delle risorse stanziate per il quinto asse di finanziamento, provenienti dal fondo agricoltura istituito con la legge 208/2015. Il nuovo avviso -aggiunge Bettoni- integra i 40 milioni già previsti dal bando Isi 2019 con altri 25 milioni di euro del bilancio di previsione 2020 dell’Istituto, assicurando la continuità di un’iniziativa di prevenzione che tra il 2016 e il 2018, ha stanziato 115 milioni di euro per la realizzazione di circa 3.300 progetti presentati da micro e piccole imprese agricole”.

“In questi anni -sottolinea la ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo- gli incentivi erogati alle aziende agricole si sono rivelati una leva importante per aumentare l’efficacia delle strategie di prevenzione in un settore di attività caratterizzato da rischi elevati per i lavoratori, contribuendo a ridurre i pericoli che derivano da un parco macchine obsoleto, che non garantisce standard adeguati di sicurezza ed efficienza”.

Come emerge dai dati Inail relativi al quinquennio 2014-2018, la “perdita di controllo totale o parziale di una macchina” è la causa principale di circa un quarto degli infortuni accertati in occasione di lavoro nel settore agricolo. Rispetto alle altre gestioni assicurative, inoltre, l’agricoltura negli ultimi anni si è contraddistinta per una crescita più consistente delle malattie professionali denunciate all’Istituto, che interessano soprattutto il sistema osteomuscolare e del tessuto connettivo, come dorsopatie e tendiniti.

“La scelta di incentivare la sostituzione dei mezzi più vecchi con macchine e trattori di ultima generazione, caratterizzati da soluzioni innovative che assicurano la massima protezione dei lavoratori e la riduzione del rumore e delle emissioni inquinanti, ha una duplice valenza -ha commentato la ministra delle Politiche agricole e forestali, Teresa Bellanova-. Oltre a migliorare i livelli di salute e sicurezza, infatti, aumenta il rendimento e la sostenibilità globale delle aziende in un settore cruciale della nostra economia, producendo crescita e sviluppo”.

Vai al Bando Isi Agricoltura 2019-2020


Tags: #agricoltura #agricoltori #istituzioni #macchineagricole #salute #sicurezza

Mondo CIA

Copyright © 2017 Cia, All Rights Reserved. Cia-Agricoltori Italiani. Via Mariano Fortuny, 20 - 00196 Roma tel. 06 326871 cf: 80213630587 - Created by Web Agency Interact SpA 2017