dal Territorio
Latte: Cia Piemonte, forte preoccupazione per il prezzo alla stalla
26 Gennaio 2021

L'appello del presidente Carenini: "Situazione non più sostenibile. Solo la riapertura di bar e ristoranti potrebbe porre rimedio"

E’ grande la preoccupazione dell’Associazione regionale per il prezzo alla stalla nei prossimi mesi.

“La situazione è molto complicata. Sul fronte interno -spiega il presidente di Cia-Agricoltori Italiani Piemonte, Gabriele Carenini- la chiusura di bar, ristoranti e alberghi, il cosiddetto canale Horeca, riduce drasticamente il consumo dei prodotti lattiero-caseari e questo calo si riflette negativamente sul settore. A questo si deve aggiungere l’aumento significativo del prezzo di soia e mais registrato negli ultimi mesi. In pratica, da un lato scende il prezzo del latte e dall’altro si è costretti a pagare di più per nutrire le mandrie”.

“Rispetto al 2019 -sottolinea Carenini-, il prezzo del latte ha perso un 10% secco e nel nuovo anno il quadro potrebbe anche peggiorare. Lactalis, gruppo di riferimento per il mercato dei prodotti lattiero-caseari, ha già fissato per i primi mesi del 2021 la tariffa di 355 euro/1000 lt. Ma per poter avere nel 2021 un prezzo del latte base di euro 355/1000 lt si deve conferire mensilmente lo stesso quantitativo di latte del 2020. Nel caso di eccedenze il prezzo del latte diminuirà di 60 euro/1000 lt. In sostanza, prima, a marzo 2020, si chiedeva di frenare la produzione di latte e ora, addirittura, si è arrivati a penalizzare chi produce di più rispetto allo scorso anno”.

“Per fortuna -aggiunge il presidente di Cia Piemonte-, a reggere è il settore dei grandi formaggi, che volano sui mercati esteri grazie all’export. Gli allevatori che conferiscono per la produzione di Grana si sono recentemente attivati per chiedere un equo rapporto tra il valore del formaggio e dei suoi derivati e il prezzo pagato alla stalla per il latte destinato a queste produzioni. Una richiesta legittima, necessaria per provare a ridare il giusto valore al nostro latte, grazie al quale esportiamo nel mondo formaggi di eccellenza”.

“Siamo di fronte a una situazione generale non più sostenibile -conclude Carenini-, a cui solo la riapertura di bar e ristoranti potrebbe porre rimedio”.

 


Tags: #prezzi #allevamenti #latte

Mondo CIA

Copyright © 2017 Cia, All Rights Reserved. Cia-Agricoltori Italiani. Via Mariano Fortuny, 20 - 00196 Roma tel. 06 326871 cf: 80213630587 - Created by Web Agency Interact SpA 2017