Attualità
La rivoluzione digitale del settore con l’Agricoltura 4.0
15 Febbraio 2018

In Italia vale 100 milioni, con grandi potenzialità di crescita

Riducono i costi, aumentano i ricavi e rendono più efficienti i processi. Sono le potenzialità altissime delle innovazioni digitali applicate al settore primario e racchiuse nell’espressione Agricoltura 4.0, che in Italia ha un mercato di circa 100 milioni di euro, il 2,5% di quello globale.

L’utilizzo di nuove tecnologie per migliorare resa e sostenibilità delle produzioni, qualità produttiva e di trasformazione, oggi è ancora limitato all’1% della superficie coltivata complessiva, ma le possibilità di crescita e sviluppo sono enormi. Molte aziende italiane si stanno attivando nella trasformazione digitale dell’agroalimentare e una forte spinta innovativa proviene dalle nuove imprese, come dimostrano le 481 startup internazionali Smart AgriFood nate dal 2011 a oggi, di cui il 12% italiane.

Sono alcuni dei risultati della ricerca dell’Osservatorio Smart AgriFood della School of Management del Politecnico di Milano e del Laboratorio RISE dell’Università degli Studi di Brescia. “L’innovazione digitale nell’agroalimentare si manifesta dalla produzione in campo alla distribuzione alimentare, passando per la trasformazione -spiega a Rai Scuola Filippo Renga, condirettore dell’Osservatorio Smart AgriFood- e può garantire competitività a uno dei settori chiave per l’economia italiana, che contribuisce per oltre l’11% del Pil e per il 9% sull’export”.

Perché le tecnologie digitali dispieghino completamente il proprio potenziale, però, occorre che si realizzino alcune condizioni, prima di tutto l’estensione della banda larga e ultra larga anche alle zone rurali del Paese, per garantire l’interconnessione della filiera.

Guarda il servizio


Tags: #innovazione #digitale

Mondo CIA

Copyright © 2017 Cia, All Rights Reserved. Cia-Agricoltori Italiani. Via Mariano Fortuny, 20 - 00196 Roma tel. 06 326871 cf: 80213630587 - Created by Web Agency Interact SpA 2017