Attualità
Il Pistacchio di Raffadali è Dop
23 Marzo 2021

Nel comparto Cibo è la numero 173 delle Denominazioni italiane

Il "Pistacchio di Raffadali" nel registro delle Dop, le denominazioni di origine protetta. Approvata dalla Commissione Ue la domanda di iscrizione. Nel comparto Cibo, è la numero 173 delle DOP dell’Italia e la numero 313 nel totale delle Indicazioni Geografiche agroalimentari italiane. Mentre salgono così a 1607 i prodotti alimentari protetti presenti in banca dati Ue

La Dop Pistacchio di Raffadali è riservata al prodotto, in guscio, sgusciato o pelato, delle piante della specie botanica "Pistacia vera", cultivar "Napoletana", chiamata anche "Bianca" o "Nostrana", innestata su "Pistacia terebinthus" volgarmente chiamato (Scornabeccu).

Il “Pistacchio di Raffadali” è prodotto nella provincia di Agrigento, dove le condizioni di elevata aridità e l’esposizione soleggiata a sud delle piantagioni, consentono di ottenere un frutto dalle caratteristiche qualitative particolari, contraddistinto da un sapore dolce, gradevole e pronunciato e da un’elevata resa in olio. Cresciuta a partire dalla seconda metà del XIX secolo, la coltivazione di pistacchi prese piede quando pascoli interi e terreni abbandonati vennero trasformati in piantagioni e la coltura divenne il fulcro dell’intero sistema agricolo ed economico regionale.

Caratteristica l'impronta lasciata nel paesaggio da questa tipica coltivazione che vede diffuse piante basse con i rami che toccano quasi il terreno.


Tags: #qualità #agricoltura #agroalimentare #europa #prodottitipici

Mondo CIA

Copyright © 2017 Cia, All Rights Reserved. Cia-Agricoltori Italiani. Via Mariano Fortuny, 20 - 00196 Roma tel. 06 326871 cf: 80213630587 - Created by Web Agency Interact SpA 2017