Attualità
Il gusto degli italiani per il food delivery
10 Ottobre 2018

La mappatura Just Eat sul take away in Italia. Tanta cucina internazionale, eppure non manca la tradizione nostrana

Mappare i gusti degli italiani si può, o almeno un'idea oggi la propone Just Eat che, non a caso, presenta l'indagine sulle preferenze gastronomiche in fatto di food delivery. Come racconta Winenews.it, tanto per cominciare, a comparire sono tanti e diversi profili di foodies italiani amanti del cibo a domicilio, ma anche, attenzione, accurati selezionatori di buon cibo. 

Sebbene, infatti, sia forte la tendenza a sperimentare, non mancano i piatti della tradizione italiania. A dimostrare il legame con la tradizione, compare la pizza regina che si posiziona al gradino più alto della classifica dei cibi più desiderati, seguita però poi dall’hamburger e dalla cucina giapponese; subito dopo la cucina cinese, quella italiana, poi panini e piadine, i piatti indiani, il pollo, la cucina greca, e infine dolci e gelato.

I gusti cambiano da città a città, tra uomo e donna, e in base all’età. A Milano vincono sushi e hamburger, con una decisa rimonta della cucina indiana; a Roma invece, regnano il cinese e la cucina italiana. A Napoli, fanno da padroni i panini, seguiti dai dolci e dal giapponese, e mentre a Palermo si ordinano pollo e gelato, a Bari spopola il greco e a Cagliari la cucina medio orientale. Tra i genovesi è comparsa nell’ultimo anno la cucina messicana e la mania del fritto tra i veronesi, infine i bolognesi sono tra i pochi a difendere la bandiera tricolore, prediligendo cibo italiano.

Ad influire non è solo la città di origine, ma anche gli stili di vita personali e professionali. Emergono trend variegati. Impiegati (40%) e studenti (34%) ordinano infatti con più frequenza, seguiti dai liberi professionisti (14%) che sono però coloro che amano di più variare le cucine e sperimentare nuovi piatti. Esplorando i trend generazionali si scopre un’intensa attività di digital food delivery da parte dei Millennials (dai 18 ai 36 anni) che rappresentano il 70% del mercato totale, seguiti dalla Generazione X (dai 36 ai 45 anni), il 22% del mercato, e dagli over 45, il rimanente 8%. I più adulti si dimostrano però più desiderosi di sperimentare cucine particolari, ordinando cucina giapponese (14%) e cibo asiatico (10%), mentre i più giovani (18-25 anni) amano ancora la pizza a casa (75%) da condividere con gli amici in occasione dello studio, di una serata davanti alla tv o di una festa. 


Tags: #cibo #agroalimentare #consumi

Mondo CIA

Copyright © 2017 Cia, All Rights Reserved. Cia-Agricoltori Italiani. Via Mariano Fortuny, 20 - 00196 Roma tel. 06 326871 cf: 80213630587 - Created by Web Agency Interact SpA 2017