Attualità
Da Ue via libera al Prosecco Rosé Doc
29 Ottobre 2020

Accolta la richiesta di modifica al disciplinare di produzione della Dop

"Il via libera europeo al disciplinare di produzione del Prosecco Rosé Doc con la modifica da noi richiesta che rende possibile contare sulla nuova tipologia, è un'ottima notizia. Che consente ai produttori di un vino che da sempre oltre confine riscuote uno straordinario successo, di presidiare e conquistare un mercato sempre più ampio e che negli ultimi anni ha registrato una crescita sempre più importante in termini economici e di quantitativi. Parliamo di un esercito di 11.460 viticoltori, 1.192 aziende vinificatrici, 347 case spumantistiche che concorrono al successo senza eguali di una denominazione tutta made in Italy, diventata emblema e indiscussa bandiera nel mondo. L'accoglimento della nostra richiesta sarà traino per l'intero sistema vitivinicolo nazionale che a causa della pandemia ha registrato una contrazione del valore delle vendite all'estero dopo il record fatto segnare lo scorso anno, con oltre 6 mld di euro e che sta soffrendo in modo evidente anche per gli evidenti problemi che il canale della ristorazione sta affrontando". Così la Ministra Teresa Bellanova commenta la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Ue dell'approvazione della comunicazione di modifica richiesta dal Mipaaf del Disciplinare di produzione del Prosecco DOP. Modifica tesa all'introduzione della tipologia Rosè con obbligo dell'indicazione d'annata.

La richiesta di modifica al disciplinare di produzione della Dop Prosecco con l'introduzione della nuova tipologia era stata inviata dall'Italia a Bruxelles nel maggio scorso. Il nome deciso dal Consorzio di tutela del Prosecco Doc per il nuovo vino è "Prosecco spumante rosé millesimato".

"Un vino, il Prosecco, che tutto il mondo ci invidia e che in molti tentano di imitare e contraffare -prosegue Bellanova-. Lo dimostra tra gli altri il tentativo di contraffazione che nei mesi scorsi abbiamo stroncato in Veneto in una catena di supermercati grazie all'impegno dell'Icqrf. La lotta alla contraffazione a difesa dei nostri prodotti e contro l'usurpazione delle nostre indicazioni geografiche è sempre tra le nostre priorità. Dei 486 milioni di bottiglie prodotte di Prosecco, circa il l'80% prende la via dell'export. Un tassello importante del nostro made in Italy e della nostra forza sui mercati mondiali, che adesso acquista ancora più peso e rilevanza".


"La mia attenzione e vicinanza al questo straordinario settore è evidente -conclude la Ministra Bellanova-. Lo dice l'interlocuzione costante con cui in questi mesi abbiamo insieme definito le misure necessarie per fare fronte all'emergenza per mettere in sicurezza le nostre eccellenze e le nostre imprese. Un'interlocuzione che, ne sono sicura, deve intensificarsi proprio sulla strategia mirata all'export e all'internazionalizzazione perché è da aziende e operatori che devono arrivare le indicazioni per ottimizzare le strategie e le politiche mirate. Su questo siamo già al lavoro. Questo periodo va affrontato con il massimo del confronto e della condivisione, con la filiera istituzionale, a partire dalle Regioni, come con l'intera filiera".


Tags: #vino #commercio #europa #export

Mondo CIA

Copyright © 2017 Cia, All Rights Reserved. Cia-Agricoltori Italiani. Via Mariano Fortuny, 20 - 00196 Roma tel. 06 326871 cf: 80213630587 - Created by Web Agency Interact SpA 2017