19 Settembre 2023 | News

Copa-Cogeca: Battelli confermato vicepresidente Gruppo lavoro Frutta e Verdura

#nomine #agricoltori #agricoltura #europa #ortofrutta
Condividi

Il candidato Cia rieletto nella squadra a guida belga. Con Vanoirbeek l’obiettivo di “Costruire ponti” tra i diversi Paesi

Nazario Battelli è stato confermato alla vicepresidente del Gruppo di lavoro Frutta e Verdura del Copa-Cogeca. Da parte dei delegati delle diverse organizzazioni agricole Ue, riunite a Bruxelles, il parere favorevole su tutta la squadra eletta due anni fa con la scelta del belga, Luc Vanoirbeek, alla guida del Gruppo.

Da Cia-Agricoltori Italiani le congratulazioni a Nazario Battelli, figura di riferimento importante per la Confederazione in ambito ortofrutticolo, avendo per quasi dieci anni tenuto il timone di Ortofrutta Italia e ricoperto diversi incarichi di rappresentanza Cia, a livello nazionale, ma anche regionale e provinciale nella sua Emilia-Romagna.

“Costruire ponti fra i diversi Paesi è e sarà l’obiettivo di questo nuovo mandato -ha detto Battelli, ringraziando i delegati per la fiducia-. Dobbiamo continuare a lavorare con le istituzioni e le altre organizzazioni europee impegnate sulle politiche per il comparto ortofrutticolo e ambire a una maggiore considerazione da parte di Bruxelles. Ciò mi trova sempre più determinato, è in sintonia con la visione di Cia e con gli obiettivi che mi sono prefissato con la mia prima candidatura”.

Per Battelli, è ora “cruciale intervenire con un’azione concertata per dare risposte concrete alle imprese ortofrutticole in sofferenza a causa delle avversità climatiche e a corto di mezzi per il contrasto delle fitopatie. Va rilanciata la gestione integrata del rischio, la tutela delle produzioni e dell’intera filiera, per salvaguardare il giusto reddito e la competitività delle aziende, rivedendo anche le relazioni con i Paesi extra Ue. Allo stesso tempo -ha precisato e concluso- è assolutamente necessario far ripartire i consumi, piegati dall’inflazione e, in particolare, costruendo nuovi piani di comunicazione che guardino alle generazioni più giovani”.


Seguici su