04 Novembre 2022 | dal Territorio

Cia Treviso: raccolti 15mila euro in favore di Lilt

#solidarietà #agriturismo #salute
Condividi

L'iniziativa promossa dall'Organizzazione con Turismo Verde, che ha coinvolto gli agriturismi della provincia con un piatto unico, ideato da chef Stefano Polato, inserito nei menu

Si è conclusa la campagna “Cia Treviso for Lilt” che, coinvolgendo gli agriturismi della provincia di Treviso associati a Turismo Verde e il Centro di Assistenza Fiscale Cia, ha raccolto 15 mila euro che sono stati consegnati a Lilt Treviso Odv, con un evento conclusivo giovedì 3 novembre presso l’agriturismo “Ai Bagolari” a Castello di Godego, a supporto delle attività di assistenza ai malati oncologici e di prevenzione che l’associazione di volontariato attiva nel territorio della Marca. Un’iniziativa frutto della sinergia tra le due associazioni del territorio che hanno lavorato per divulgare il forte messaggio che lega la salute, e quindi la prevenzione, alla sana alimentazione e alle produzioni agricole locali di qualità.

Il progetto, avviato a ottobre 2021, ha potuto contare sulla speciale collaborazione con chef Stefano Polato, cuoco specializzato nella scelta, preparazione e conservazione dei cibi che negli ultimi anni ha preparato il cibo per diverse missioni spaziali come quella di Samantha Cristoforetti, con l’ideazione di un piatto inserito nei menu degli agriturismi della provincia di Treviso, aderenti al progetto, e realizzato secondo i principi del piatto unico che equilibra ingredienti e tecniche di realizzazione per ottenere una ricetta che unisce salute e gusto.

“Abbiamo voluto avviare un progetto che coniugasse i valori di solidarietà, di presenza nel territorio e dedizione alla comunità che la nostra associazione sente propri. Un patto sociale tra agricoltura, territorio e comunità che ha unito la professionalità degli agrichef di Turismo Verde e le attività della nostra associazione che opera nella provincia di Treviso con le aziende agricole, parte integrante del tessuto economico e sociale del territorio -dichiara Salvatore Feletti, presidente Cia-Agricoltori Italiani Treviso-. Un progetto che mi rende orgoglioso di essere presidente di Cia Treviso e che è riuscito a raccogliere le risorse per dare un sostegno a Lilt a supporto del grande e prezioso impegno che mette nelle sue attività”.

Il piatto unico simbolo della campagna è stato ideato da chef Stefano Polato, in condivisione con gli agri-chef di Turismo Verde-Cia Treviso, e si basa sullo schema base del piatto unico elaborato dall’Università di Harvard (“The Healthy Eating Plate” - The Nutrition Source, Harvard T.H. Chan School of Pubblic Health).
La sovracoscia di pollo ripiena di radicchio rosso di Treviso e noci, con crema di zucca speziata e patate alla cipolla ed erba cipollina ha previsto poi delle declinazioni stagionali, relativamente alla parte vegetale, con protagonisti anche l’asparago bianco, le erbette primaverili e le verdure dell’orto quali melanzane, zucchine e peperoni.

“Un ringraziamento a Cia Treviso che come associazione nel territorio si è attivata, con questa bella e positiva iniziativa, per dare un contributo importante al nostro territorio, attraverso Lilt Treviso nell’ottica della prevenzione, della tutela della salute e della buona cucina -dichiara Nelly Raisi Mantovani, vice presidente Lilt Treviso Odv-. Lilt Treviso oggi conta 780 volontari attivi in tutta la provincia di Treviso nelle attività di prevenzione, di divulgazione e formazione nei comuni e nelle scuole delle tematiche della salute, nel trasporto dei malati oncologici presso i centri di terapia e in attività ambulatoriali legate allo screening e alla prevenzione.”

Link progetto > https://ciatreviso.it/la-buona-agricoltura/


Seguici su