06 Novembre 2023 | News

BPER Banca e Cia a sostegno delle imprese agricole colpite dalle alluvioni

#credito #agricoltori #clima #emergenza #maltempo #territorio
Condividi

Per le aziende danneggiate prestiti a zero interessi e zero spese. A copertura, i fondi raccolti dall’organizzazione con la campagna nazionale per l’emergenza

Unite per sostenere le aziende agricole dell’Emilia-Romagna colpite dall’alluvione, BPER Banca e Cia-Agricoltori Italiani alla firma dell’accordo che consente agli agricoltori di far fronte alle necessità finanziarie immediate, grazie a un prestito a zero interessi e zero spese. L’intesa è stata sottoscritta oggi, presso la sede di Cia Cesena, dal responsabile del Servizio Agri Banking di BPER Banca, Oliviero Giacomo Falconi, e dal presidente nazionale di Cia, Cristiano Fini.

L’iniziativa congiunta di BPER Banca e Cia è destinata a superare il particolare momento di difficoltà che attraversano le imprese del comparto in conseguenza delle piogge alluvionali che si sono verificate nei territori delle provincie di Reggio Emilia, Modena, Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e di Rimini nel corso del 2023 e che hanno compromesso l’attività e le rese produttive aziendali. Centrale la collaborazione storica e consolidata tra BPER Banca e Cia che ha consentito di raggiungere in tempi brevi l’accordo di supporto alle imprese alluvionate. Il protocollo, siglato in data odierna, dà modo a Cia di “consegnare” alle aziende agricole, danneggiate dall’alluvione, i fondi raccolti con la campagna nazionale promossa per l’emergenza, plafond a copertura degli interessi e dei costi a carico dei richiedenti, in favore delle aziende associate. Da parte sua, la banca rinuncia alla propria redditività nell’operazione di finanziamento applicando condizioni di favore limitate alla copertura dei propri costi.

Grazie al contributo in quota interessi e spese coperte dallo stanziamento di Cia, l’accordo consente quindi alle imprese associate di accedere a finanziamenti a tasso zero e a zero spese da parte di BPER Banca. I prestiti, con finalità-liquidità oppure investimento, potranno avere una durata fissa di 24 o 36 mesi e un importo compreso tra i 15 e i 30mila euro. Infine, entro il 31 gennaio prossimo, le aziende interessate dovranno rivolgersi direttamente alle sedi locali di Cia incaricate di verificare il rispetto dei requisiti previsti e rilasciare la “Lettera di Presentazione Accompagnatoria” necessaria per richiedere il finanziamento agevolato presso le filiali BPER Banca.

“L’accordo raggiunto in tempi rapidi con Cia è il frutto di un rapporto di conoscenza, fiducia reciproca e collaborazione col mondo dell’agricoltura che vede BPER Banca da sempre attenta e vicina a uno dei settori più rilevanti dell’economia italiana. È una ricchezza dei nostri territori che sosteniamo in questo momento di difficoltà e che vogliamo accompagnare sempre più nel percorso di crescita e sostenibilità anche grazie all’avvio del nuovo Servizio Agri Banking. Un polo innovativo di competenze che mette a disposizione delle aziende agricole una struttura capillare di specialisti dedicati sul territorio nazionale” dichiara Oliviero Giacomo Falconi, responsabile Servizio Agri Banking BPER Banca.

“Gli effetti dell’alluvione che a maggio ha colpito l’Emilia-Romagna sono tutt’altro che archiviati. I problemi enormi che stiamo ancora affrontando esprimono l’eccezionalità della catastrofe che si è abbattuta su una comunità, un territorio e i suoi settori produttivi come, in primo luogo, l’agricoltura che in una terra di primati nel settore è, oggi, alle prese con una crisi senza precedenti. Basti pensare al comparto ortofrutticolo che sta vivendo un calo produttivo oltre il 60% e con picchi fino al 90%. Ecco perché l’accordo con BPER Banca è per noi strategico, ci permette di rispondere a un’esigenza importante di accesso al credito, con strumenti e soluzioni ad hoc, più volte sollecitati dagli agricoltori in difficoltà, e in particolare di mettere a terra un progetto di solidarietà concreta per la ripartenza delle aziende agricole dell’Emilia-Romagna seriamente danneggiate, ma che non si sono mai arrese” commenta Cristiano Fini, presidente nazionale di Cia-Agricoltori Italiani.


Seguici su