dal Territorio
Agia-Cia Basilicata: altri 107 giovani ammessi. Supportare primo insediamento
12 Settembre 2023

Il presidente Racioppi: "'Provvedimento importante. Va accompagnato con assistenza-consulenza e misure di credito agevolato"

L’annuncio fatto dall’assessore alle politiche agricole, Alessandro Galella, e dall’AdG Psr, Rocco Vittorio Restaino, solo una settimana fa all’assemblea di Cia Basilicata si è concretizzato: altri 107 giovani saranno ammessi al finanziamento della misura “Primo insediamento in agricoltura”, finalizzata a promuovere l’ingresso dei giovani nel settore agricolo. Per Agia-Cia Basilicata è un provvedimento importante che va accompagnato da strumenti di sostegno, assistenza-consulenza, primo fra tutti misure di credito agevolato.

“Occorre dare sostegno concreto ai giovani imprenditori agricoli e zootecnici lucani -ha dichiarato il presidente Agia-Cia Basilicata, Antonio Racioppi- che rappresentano anche il 20% dei più interessati investitori in chiave sostenibile e innovativa. L'Associazione continuerà per questo anche a spingere sul valore del sostegno alla cooperazione per il rinnovo generazionale, attraverso forme di affiancamento giovani-pensionati, oggi finalmente tra gli strumenti dello sviluppo rurale. Non si sottovaluti poi  -ha aggiunto Racioppi- che come ha rilevato Crea in un rapporto il costo della 'terra' continua a essere alto: in Basilicata da un minimo di 12 mila euro/ettaro sino al doppio (Metapontino)".

Secondo Racioppi, "guardare oggi alla modernità vuol dire mettere al centro delle strategie per il futuro, innovazione scientifica, tecnologica e genetica e riconoscere ai giovani, anche dell’agricoltura, la guida di questa importantissima sfida. Non si può lavorare per la sostenibilità ambientale, economica e sociale -ha sottolineato- senza potenti iniezioni di innovazione. Questa è la via obbligata da percorrere se vogliamo davvero scegliere un approccio non arcaico per lo sviluppo e usare bene i 191 miliardi di euro del Pnrr che guardano a green e digitale. Spazio per i giovani capaci di trainare il cambiamento, aperti al mondo e promotori di partecipazione, condivisione e integrazione”.

Inoltre, le proposte di Cia e Agia per fronteggiare le calamità naturali, riguardano l’attivazione della legge 102/2004 per parziale esonero contributivo e proroghe creditizie e il Fondo Agricat (300 milioni) quale nuovo strumento in materia assicurativa, gestito da Ismea. Le altre questioni sollevate e sul tavolo dell’Assessore Galella: i fondi sponda sul CSR 2023-27 oltre che per i programmi di filiere agro-alimentari del IV Bando nazionale a valere sul Pnrr; un programma da attivare anche nell’ambito del FSE destinato a sostenere attività formative e di acquisizione competenze da parte di titolari e dipendenti; l’istituzione di un fondo rotativo di credito finalizzato a sostenere gli investimenti; la realizzazione del marchio agro-alimentare “Qualità lucana”; interventi di manutenzione infastrutturali di dighe, traverse, condotte e la predisposizione del piano invasi minori; la manutenzione degli alvei fluviali utilizzando i contratti di fiume e prevedendo l’apporto delle prestazioni agro-meccaniche delle aziende agricole; la definitiva regolamentazione delle attività svolte dai CAA e la formalizzazione delle funzioni strategiche del “fascicolo aziendale”.


Tags: #giovani #agricoltori #agricoltura #istituzioni

Mondo CIA

Copyright © 2017 Cia, All Rights Reserved. Cia-Agricoltori Italiani. Via Mariano Fortuny, 20 - 00196 Roma tel. 06 326871 cf: 80213630587 - Created by Web Agency Interact SpA 2017