02 Luglio 2020 | Nazionale

Cia riparte con "Il Paese che Vogliamo" dopo il lockdown

#Ilpaesechevogliamo #europa #filiereavocazioneterritoriale #gestionefaunaselvatica #governodelterritorio #infrastrutture
Condividi

Appuntamento giovedì 2 luglio in webinar con la presentazione del report Nomisma su agroalimentare e Covid-19

Torna il “Il Paese che Vogliamo”, il progetto di Cia-Agricoltori Italiani che mette al centro l’agricoltura e il rilancio delle aree interne per lo sviluppo del territorio nazionale. Un piano inaugurato la scorsa estate con un roadshow da Nord a Sud Italia, inevitabilmente interrotto dal lockdown, ma che adesso - alla luce degli stravolgimenti provocati dall’emergenza Coronavirus - diventa ancora più strategico e importante.

Il nuovo appuntamento con la “fase 2” de “Il Paese che Vogliamo” si terrà giovedì 2 luglio, alle ore 15, in videoconferenza. Titolo e tema saranno di stretta attualità: “Superare l’emergenza. I sistemi produttivi del territorio: modello per ripartire”, con l’intervento delle rappresentanze Cia, coordinate dal presidente nazionale Dino Scanavino e dal vicepresidente Mauro Di Zio, ed esponenti autorevoli delle istituzioni nazionali.

Moderati dal giornalista Enrico Cisnetto, sono stati invitati a partecipare: Teresa Bellanova, ministra delle Politiche agricole; Giuseppe Provenzano, ministro per il Sud; Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute. E ancora: Marco Bussone, presidente Uncem; Ivano Vacondio, presidente Federalimentare; Mauro Lusetti, presidente Alleanza Cooperative Italiane; Patrizia De Luise, presidente Confesercenti; Filippo Gallinella, presidente Commissione Agricoltura della Camera; Barbara Saltamartini, presidente Commissione Attività produttive, Commercio e Turismo; Alessandro Canzian, Head of Corporate Sales di Vodafone Business Italia; Stefania Signorelli, Head of Communication Southern Europe J.P. Morgan; Fulvio Bonavitacola, coordinatore IV Commissione Infrastrutture.

Nell’occasione, verrà presentato il report di Nomisma su “Il ruolo economico e produttivo dell’agroalimentare di fronte alla sfida del Covid-19”, a cura di Denis Pantini, che analizzerà l’andamento del settore e dei consumi alimentari nel periodo dell’emergenza e fornirà un quadro di scenario del prossimo futuro. Accanto, la relazione tecnica di Giorgio De Rita del Censis su “La tenuta sociale dei territori”.

L’evento ha il patrocinio della Rappresentanza in Italia della Commissione europea.

Per seguire la diretta dei lavori clicca qui o fai partire il player infondo a questa pagina.

L’appuntamento del 2 luglio è solo il primo di un ricco programma di iniziative Cia sotto lo slogan “Gli Agricoltori Italiani per l’ambiente, il territorio e le produzioni di qualità”, legati da un unico filo conduttore rappresentato dalla grande sfida del Green Deal europeo. Si continua, infatti, mercoledì 8 luglio, alle ore 9, con il workshop, in collaborazione con IBMA Italia, “Innovazione per la sostenibilità: il valore delle tecnologie di biocontrollo per la difesa delle colture”. Due giorni dopo, ovvero nella mattinata di venerdì 10 luglio, seguirà il secondo momento di approfondimento de “Il Paese che Vogliamo” intitolato “Agricoltura e territorio: dal green deal la ripartenza”. La due settimane di eventi si concluderà mercoledì 15 luglio a partire dalle ore 10, con “Green New Deal: agricoltura biologica protagonista. Adeguare le politiche del settore biologico per realizzare gli obiettivi di sostenibilità 2030” organizzato da Cia con Anabio.



Seguici su