09 Marzo 2023 | Nazionale

Con Agia-Cia e CREA, "Obiettivo Ricerca" fa tappa in Toscana

#giovani #agricoltori #agricoltura #europa #ricerca #viticoltura
Condividi

Nel focus viticoltura ed enologia

In Toscana l'ottava tappa del progetto “Obiettivo Ricerca. Mettiamo al centro l’agricoltura che innova” nato dal protocollo d'intesa tra Agia-Cia, Cia-Agricoltori Italiani, Associazione Agricoltura è Vita-Cia e CREA. L'appuntamento è previsto per giovedì 9 marzo, nel Centro CREA Viticoltura ed Enologia di Arezzo, su Viale Santa Margherita, 80.

"Risorse genetiche, tecnologie digitali e sostenibilità. l'innovazione a supporto del comparto produttivo vitivinicolo" il tema dell'incontro messo a punto con il Centro di ricerca Viticoltura ed Enologia (CREA-VE) sedi di Arezzo e Velletri (RM), il Centro di ricerca Politiche e Bioeconomia (CREA-PB) sede di Firenze e il Network per il trasferimento tecnologico del CREA (NTT-CREA).

L'appuntamento, inizierà alle 9:45 con la presentazione della sede e l'introduzione alla visita nei laboratorio, a cura di Paolo Storchi, responsabile della sede CREA-VE di Arezzo. Poi le relazioni: "Gestione sostenibile dei suoli in vigneto" di Paolo Valentini; "Viticoltura di precisione" di Rita Perria e Marco Ammoniaci; "Innovazioni nella difesa del vigneto" di Mauro D'Arcangelo; "Vecchi e nuovi vitigni per l'enologia toscana" di Sergio Puccioni e Alessandra Zombardo. Dalla sede CREA-VE di Velletri: "Elaborazione di succhi di uva sostenibili" di Luna Centioni e "Recupero dei sottoprodotti della vinificazione: i Betaglucani" di Noemi Bevilacqua.

Alle 12 la degustazione di vini ottenuti dalle sperimentazioni del CREA-VE.

L'incontro terminerà alle 12:45 con le considerazioni di Lapo Somigli, presidente Agia-Cia Toscana.

 


Seguici su