Attualità
Burocrazia rallenta revisione macchine agricole
15 Marzo 2019

Attesa per l'emanazione del Decreto attuativo dal ministero dei Trasporti

L'obbligo di revisione di macchine agricole e operatrici è ad oggi ancora lettera morta, non essendo ancora stato emanato dopo 3 anni il relativo decreto attuativo. 

In occasione della kermesse parigina dedicata alla meccanica agricola, Agronotize ha avuto modo di incontrare Alessandro Malavolti, presidente di FederUnacoma, e Roberto Rinaldin, presidente di Unacma.

"Centinaio ha fatto quanto promesso e ha sdoganato, per quanto riguarda il Mipaaft, tutta la parte legislativa e burocratica" ha spiegato Malavolti, anche se l'anno si è chiuso e del decreto non c'è ancora traccia. Ora la palla è nelle mani del Mit che deve avere l'ultima parola trattandosi di un decreto attuativo del ministero dei Trasporti in cui quello dell'agricoltura rientra per un concerto. Il problema è che a farne le spese sono gli agricoltori. Seppur in calo, gli incidenti in agricoltura sono ancora molto alti e nei primi 8 mesi del 2018 l'Inail ha registrato 86 incidenti mortali, uno ogni tre giorni. "In Italia abbiamo oltre 100 morti tutti gli anni e, oltre a essere il fanale di coda dell’Europa, siamo uno dei pochi settori rimasti sprovvisti di revisione" specifica Malavolti.  La crescita del comparto agricolo, secondo il parere dei due presidenti, passa per la crescita del parco macchine e per quella professionale degli addetti ai lavori. "I giovani - si trovano d'accordo - devono avere la possibilità di lavorare in un ambiente sano e sicuro".


Tags: #sicurezza #agricoltori #burocrazia #macchineagricole

Mondo CIA

Copyright © 2017 Cia, All Rights Reserved. Cia-Agricoltori Italiani. Via Mariano Fortuny, 20 - 00196 Roma tel. 06 326871 cf: 80213630587 - Created by Web Agency Interact SpA 2017