Cia Ferrara: servono interventi strutturali straordinari per affrontare i cambiamenti climatici

15 giugno 2017
Cia Ferrara: servono interventi strutturali straordinari per affrontare i cambiamenti climatici
 

L'assenza di piogge e le temperature elevate di questi giorni stanno mettendo in crisi le principali colture del territorio e riducendo in maniera preoccupante le risorse d'acqua per l'irrigazione, con il livello del Po sceso a un livello di soli quattro metri e mezzo. La Regione Emilia-Romagna ha chiesto al Governo, nei giorni scorsi, lo stato di emergenza per la crisi idrica che ha colpito l'intero territorio regionale, una misura che per Cia-Agricoltori Italiani Ferrara è assolutamente necessaria e corretta, ma servono subito opere straordinarie per mitigare gli effetti del cambiamento climatico.

"Parlare di emergenza siccità o, al contrario, di emergenza per eccesso di pioggia non ha più senso -commenta Stefano Calderoni, presidente provinciale di Cia-Agricoltori Italiani Ferrara. Il nostro clima ha subito modifiche che ormai fanno parte delle sue caratteristiche intrinseche, non sono fatti eccezionali ma delle costanti. Per questo, pur apprezzando le richieste dalla Regione per superare questo momento di crisi che coinvolge pomodoro, secondi raccolti e tutta la frutticoltura, crediamo che si debba uscire dalla logica emergenziale. Per affrontare cambiamenti straordinari servono misure strutturali straordinarie. Parlo di intervenire sul Po con un'opera capillare di bacinizzazione, come hanno fatto in altri Stati con altri grandi fiumi -penso alla Senna o al Reno- per garantire il livello idrico dei bacini e la qualità dell'acqua". Il Consorzio di Bonifica di Ferrara aveva già effettuato uno studio di fattibilità nel 2011-2012, poi accantonato per problemi di tagli di bilancio, che penso si dovrebbe rivalutare con attenzione. La creazione dei bacini e di sbarramenti impedirebbe all'acqua del mare di risalire quando le portate del fiume sono basse e risolverebbe il problema del cosiddetto "cuneo salino", creato dall'acqua salata del mare, più pesante di quella dolce, che risale lungo il fiume.

"Il sistema di bacini assicurerebbe, dunque, acqua dolce per irrigare i campi, anche in momenti di particolare siccità e in estate e gli agricoltori devono poter irrigare, seguendo naturalmente le regole, anche in queste condizioni. L'unica certezza dei produttori, invece, è l'aumento esponenziale del costo dei fattori produttivi: pompare l'acqua fino ai campi prevede un utilizzo straordinario di gasolio agricolo, e questo incide pesantemente sui costi di produzione e sull'ambiente. Inoltre allo sforzo degli agricoltori per salvaguardare le colture non corrisponde un riconoscimento economico alla vendita dei prodotti. Faccio poi un appello -conclude Calderoni- che, se dovesse perdurare questa situazione, vengano presto emanate ordinanze per limitare l'utilizzo di acqua per irrigare le aree verdi pubbliche e private. L'acqua è una risorsa troppo preziosa e deve essere utilizzata in maniera ponderata in ogni momento dell'anno ma soprattutto quando è scarsa come in queste settimane".

il Territorio come Destino
Bandiera verde
La spesa in campagna
Turismo verde