Psr, Cia Liguria: Regione sblocca procedure per giovani, danni alluvionali e investimenti

18 aprile 2017
Psr, Cia Liguria: Regione sblocca procedure per giovani, danni alluvionali e investimenti
 

Come anticipato da Cia Liguria nei giorni scorsi, e grazie alle ripetute sollecitazioni da parte delle associazioni di categoria del mondo agricolo, la Regione Liguria ha deciso di avviare proprie procedure per lo sblocco del Psr 2014-2020 nelle misure aperte per superare le difficoltà legate alle inefficienze del sistema informativo agricolo nazionale, il Sian. In particolare si parla delle misure 4.4 (muri a secco, circa 3.000 domande), 5.2 (calamità naturali, circa 20 domande), 6.1 (insediamento dei giovani agricoltori, circa 200 domande) e, a seguire, 4.1 (investimenti nelle aziende agricole, circa 500 domande). Seguiranno, a breve, le istruttorie delle domande sulle misure 1.2.A (progetti dimostrativi), 3.2 (promozione dei prodotti di qualità), 16.1 (innovazione), per le quali stanno chiudendo in questi giorni i bandi.

"Terminate le istruttorie -spiega l'assessore regionale all'Agricoltura, Stefano Mai- i beneficiari degli aiuti riceveranno un nulla-osta finanziario, cioè la concessione ufficiale del finanziamento, che garantisce la disponibilità dei fondi. Tutto il personale dell'assessorato, impegnato nella gestione del Psr, si adopererà per recuperare i ritardi fin qui accumulati, sia pure per responsabilità altrui".

"Resta l'amarezza -afferma Cia Liguria- perchè solo ora si sono verificate le condizioni per adottare queste procedure, che potevano essere messe in atto molto prima se Agea avesse chiarito la propria posizione".