"La Pac del futuro" al centro della tavola rotonda del 29 agosto a Parma

23 agosto 2017
 

L'iniziativa nell'ambito del XV Congresso dell'Associazione Europea degli Economisti Agrari, che si terrà fino al primo settembre al Campus Scienze e Tecnologie dell'ateneo parmense. Interverranno rappresentanti del mondo accademico e imprenditoriale e il presidente nazionale della Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino

Riforma Pac e sostenibilità dell'agricoltura europea. Questo il tema della tavola rotonda che la Cia-Agricoltori Italiani organizza il 29 agosto a Parma, nell'ambito del XV Congresso dell'Associazione Europea degli Economisti Agrari (EAAE), di cui è institutional supporter.

Al centro dell'iniziativa, che si terrà al Campus Scienze e Tecnologie dell'Università (Pad. 25 Centro Convegni Aule delle Scienze - Aula R) alle ore 10, c'è la Pac post 2020 che dovrà necessariamente essere più moderna e più semplice.

La Politica agricola comune del futuro dovrà rispondere alle nuove esigenze di mercato, garantendo strumenti normativi e assicurativi adatti e in grado di gestire il fenomeno della volatilità; allo stesso tempo dovrà contribuire all'attuazione dell'accordo di Parigi e quindi concorrere alla lotta ai cambiamenti climatici.

Dopo i saluti di Filippo Arfini (Università di Parma) e di Margherita Scoppola (Università di Macerata e president elect Associazione Europea Economisti Agrari), ne parleranno Dino Scanavino (presidente nazionale Cia), Arnold Puech d'Alissac (presidente Commissione Catena alimentare FNSEA e membro del board FNSEA con delega alle Relazioni internazionali), Donato Romano (Università di Firenze), José-Maria Garcia-Alvarez-Coque (Università di Valencia). Modererà il dibattito Roberto Henke, direttore del Centro di Ricerca Politiche e Bioeconomia del Crea.

il Territorio come Destino
Nuova agricoltura news
Bandiera verde
La spesa in campagna
Turismo verde