Cia Ferrara: stop ai contenziosi tra Comuni e Consorzi di Bonifica per l'Imu

13 febbraio 2017
Cia Ferrara: stop ai contenziosi tra Comuni e Consorzi di Bonifica per l'Imu
 

"Le battaglie legali sono inutili e gravano sulle tasche dei cittadini. Bisogna sedersi attorno a un tavolo e cercare una soluzione" afferma Stefano Calderoni, presidente provinciale Cia Ferrara.

"Non ci sono né vincitori né vinti dei contenziosi che da diversi anni coinvolgono alcuni comuni del territorio e il Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara per il pagamento dell'Imu sugli impianti idrovori. Poco importa che le amministrazioni comunali, dopo aver peraltro investito risorse per sostenere le spese legali, abbiano ottenuto il pagamento: si trattava di una battaglia da non intraprendere perché alla fine a rimetterci sono solo imprese agricole e cittadini". Così Stefano Calderoni, presidente provinciale di Cia Ferrara commenta le recenti vicende "giudiziarie" che hanno coinvolto alcune amministrazioni comunali, alle quali è stato riconosciuto il pagamento dell'Imu da parte del Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara sugli impianti che servono al corretto mantenimento della sicurezza idraulica e produttiva. La disputa tra i due contendenti iniziata qualche anno fa può essere semplificata in questo modo: i Comuni chiedono che sui manufatti dati in concessione ai Consorzi, come le idrovore, sia regolarmente pagata l'imposta comunale, mentre questi ultimi obiettano che la tassa non sia dovuta perché si tratta di beni dello Stato utilizzati per una funzione di pubblica sicurezza e non certo per fini produttivi, come avviene ad esempio per le spiagge. Due visioni contrapposte che, sinora, hanno generato solo cause legali e nessuna azione concreta per risolvere la questione.

"Non voglio entrare in complesse questioni legali -continua Calderoni- perché l'obiettivo di Cia Ferrara è unicamente quello di trovare subito una soluzione definitiva alla querelle. Dobbiamo tutelare le aziende agricole che pagano gli oneri di bonifica per salvaguardare il territorio, oneri che pesano in modo significativo sui redditi agricoli. Se il Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara deve pagare anche l'Imu sui manufatti che utilizza per garantire la sicurezza idraulica allora questi costi onerosi finiscono per ricadere sul contribuente finale. Se poi rifiuta di pagare perché ritiene la richiesta ingiusta e deve difendersi in tribunale a guadagnarci sono solo gli avvocati, sempre a discapito di aziende e cittadini. Questa è una situazione che un'associazione che tutela gli agricoltori non può tollerare e che va risolta il prima possibile. Pensiamo, dunque, che occorra trovare un punto di incontro per evitare che a rimetterci siano le persone che vivono e lavorano, anche con molte difficoltà, sul nostro territorio.

So che alcune amministrazioni -conclude il presidente della Cia Ferrara- si sono già rese disponibili a definire una linea d'azione comune, ma occorre la volontà di tutti i Comuni coinvolti e dello stesso Consorzio a sedersi intorno a un tavolo per trovare un accordo. Certamente, sarà indispensabile un intervento, a livello regionale e poi nazionale, per dirimere questioni burocratiche complicate. Ed è per questo che il fronte sul territorio deve essere unito e avere come unico obiettivo quello di trovare una soluzione che pesi il meno possibile sulle tasche di agricoltori e cittadini".

il Territorio come Destino
Nuova agricoltura news
Bandiera verde
La spesa in campagna
Turismo verde