Cia Ferrara: lotta per l'Imu agricola tra Ministero e Comuni, rischio contenziosi altissimo

07 gennaio 2017
Cia Ferrara: lotta per l'Imu agricola tra Ministero e Comuni, rischio contenziosi altissimo
 

L'Anci non condivide le azioni del Mef e non riconosce le esenzioni dall'Imu ai coadiuvanti agricoli. Per la Confederazione così crescono confusione e disaccordi che non fanno bene al settore.  

I coadiuvanti agricoli famigliari, così come gli imprenditori agricoli professionali iscritti alla previdenza (Iap) e i soci di società agricole non devono pagare l'Imu agricola perché sono, di fatto, coltivatori diretti del fondo agricolo insieme al titolare dell'azienda. Possiedono, dunque, irequisiti di natura oggettiva e soggettiva che li rendono idonei all'esenzione. Il Ministero delle Finanze -in risposta a un chiarimento chiesto da Cia - Agricoltori Italiani sulle agevolazioni per le aziende agricole contenute nella Legge di stabilità -ha definito perfettamente il quadro normativo, non lasciando spazio a interpretazioni sul ruolo delle figure che contribuiscono, ogni giorno, a mandare avanti le aziende agricole italiane. Almeno in teoria. Perché a complicare la situazione è arrivata una circolare dell'Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) che ha chiesto ai Comuni di non esonerare dal pagamento coadiuvanti agricoli, Iap e soci di aziende andando letteralmente contro alle decisioni del Ministero.

"Il 2016 si è chiuso con una indubbia confusione sulle esenzioni da applicare per il pagamento Imu -spiega Stefano Calderoni, presidente provinciale di Cia Ferrara- a causa di un aperto disaccordo tra il Ministero delle Finanze e l'Anci. Quest'ultima afferma, in sostanza, che i coadiuvanti agricoli così come le società agricole e soci delle società agricole non possiedono i requisiti soggettivi dell'essere "coltivatore diretto" e dunque il requisito oggettivo del "possesso e conduzione" di terreni agricoli non è rispettato per nessuna figure esonerate dal pagamento. Certo comprendiamo che l'Anci abbia agito spinta dalla preoccupazione che le esenzioni dei terreni agricoli riducano il gettito fiscale dei Comuni che sicuramente sono in difficoltà. Ma pensiamo -continua Calderoni- che non sia una buona ragione per andare contro al legislatore che ha prodotto una norme coerente e, a nostro avviso, molto corretta. Applicare a livello comunale ciò che propone l'Anci significa far decadere il principio stesso della normativa del Ministero: chi coltiva direttamente la terra non deve pagare l'imposta, anche se non è titolare di una Partita Iva agricola ma coadiuva e supporta il lavoro del titolare dell'azienda. Siamo in una fase delicata per l'agricoltura, la crisi del settore persiste ma ci sono anche segni importanti di ripresa, anche grazie alle agevolazioni che in questi anni sono state giustamente concesse a un settore che, non dimentichiamolo mai, è primario non solo perché genera beni fondamentali ma per la stessa economia italiana. Queste contraddizioni e disaccordi -continua Calderoni- contribuiscono solo a generare confusione e contenziosi perché da un lato i comuni potranno voler andare a recuperare l'imposta Imu non versata e dall'altro ci saranno le associazioni che si appelleranno alla decisione del legislatore. Un muro contro muro che non fa bene al rilancio dell'agricoltura che dovrebbe avere, invece, la strada spianata".

il Territorio come Destino
Nuova agricoltura news
Non ci sono notizie con questa categoria
Bandiera verde
La spesa in campagna
Turismo verde