Cia Imola: attenzione alla corretta compilazione e tenuta del Registro dei trattamenti fitosanitari

22 dicembre 2016
Cia Imola: attenzione alla corretta compilazione e tenuta del Registro dei trattamenti fitosanitari
 

La Cia Agricoltori Italiani di Imola ricorda l'importanza della compilazione e conservazione presso l'azienda del registro dei trattamenti (il cosiddetto Quaderno di campagna) obbligatorio per tutti gli acquirenti e gli utilizzatori di prodotti fitosanitari che hanno effettuato trattamenti nel corso della stagione di coltivazione. Da questo obbligo sono esentati solo i soggetti che utilizzano i prodotti in orti o giardini familiari il cui raccolto è destinato all'autoconsumo. Il Quaderno può essere compilato cronologicamente per colture diverse oppure in alternativa utilizzando una serie di moduli distinti, uno per ogni singola coltura.

Secondo quanto previsto dall'art.16 del D.Lgs 150/2012, nel Quaderno di Campagna bisogna riportare:
• l'anagrafica dell'azienda;
• la denominazione della coltura trattata e la sua estensione espressa in ettari:
• la data del trattamento;
• il prodotto fitosanitario utilizzato, specificando se di tipo tossico, molto tossico, nocivo, irritante o non classificato;
• le sue quantità (espresse in Kg o in Litri);
• le avversità che hanno reso necessario il trattamento.

 Il Quaderno di Campagna deve essere compilato dal titolare dell'azienda o dai centri di assistenza agricola previa autorizzazione dell'Ausl territorialmente competente.

 

A questa casistica se ne affiancano delle altre:

  • nel caso in cui l'utilizzatore dei prodotti fitosanitari è diverso dal titolare dell'azienda, quest'ultimo deve sottoscrivere il registro a conclusione dell'anno solare;
  • se l'utilizzatore non coincide né con il titolare né con l'acquirente dei prodotti, il registro può essere compilato anche da una persona differente a patto che possegga la delega del titolare (da conservarsi insieme al registro);
  • quando i trattamenti vengono effettuati per conto di terzi, la compilazione del registro spetta al titolare dell'azienda oppure i trattamenti vengono annotati dai contoterzisti e validati dal titolare;
  • nel caso di cooperative di produttori che acquistano prodotti fitosanitari, il registro deve essere conservato presso la sede sociale dell'associazione ed è compito del legale rappresentate, previa delega dei soci, compilarlo.

Il registro va conservato almeno per 3 anni successivi a quello a cui si riferiscono gli interventi e deve essere conservato insieme alle fatture d'acquisto dei prodotti e la copia dei moduli di acquisto con relativa classificazione di pericolo.

 

La conservazione del Quaderno di campagna persegue anche finalità di controllo. I soggetti che possono richiedere la verifica delle informazioni contenute nel Registro sono fra quegli Organi che hanno il compito di verificare l'applicazione delle norme relative agli Aiuti diretti alla Politica agricola come la Pac, le misure contenute nei Programmi di Sviluppo Rurale, nelle norme sull'agricoltura biologica e nell'Ocm ortofrutta. Il Decreto legislativo n. 150/2012 all'articolo 24 comma 13, prevede che l'acquirente e l'utilizzatore che non adempia agli obblighi di tenuta del Registro dei trattamenti, è punito con la sanzione amministrativa da euro 500 a euro 1.500. In caso di reiterazione della violazione è disposta la sospensione da uno a sei mesi o la revoca dell'autorizzazione.

La Cia Agricoltori Italiani di Imola ricorda a tutti gli interessati che il personale è a disposizione per fornire informazioni sulla tenuta e la compilazione del Quaderno di campagna.