Sisma: l'ultima cavalcata di Emiliano Brandimarte per la transumanza, ora Castelluccio è deserta

28 dicembre 2016
Sisma: l'ultima cavalcata di Emiliano Brandimarte per la transumanza, ora Castelluccio è deserta
 

Oggi il presidente nazionale della Cia Dino Scanavino ha incontrato l'associato della Cia Umbria: con i suoi 40 cavalli, era rimasto l'unico abitante nel borgo colpito dal terremoto. Adesso è tornato a valle, aiutato da mandriani speciali.

A lui è stata consegnata un'unità mobile a uso abitativo, donata da Cia Alessandria, Asti, Cuneo, Vercelli, VCO, Novara, in collaborazione con la Cantina Sociale di Vinchio e Vaglio.

È stato l'ultimo ad andarsene Emiliano, a valle l'acqua scarseggia e laggiù, dopo il terremoto, approvvigionare i pascoli è difficile. Ha lasciato i suoi cavalli pascolare liberi a Castelluccio, da quel 30 ottobre ha resistito cinquanta lunghi giorni, da solo, ogni giorno il Soccorso Alpino e Speleologico dell'Umbria si è inerpicato su percorsi ostili per portare cibo e controllare che tutto fosse apposto, e alla fine, come ogni anno, come se niente fosse successo, oggi ha fatto la transumanza. Gli amici della "Ranch Academy" sono saliti a cavallo per aiutarlo (guarda il video di Repubblica Tv).

È stata una notte ventosa quella appena trascorsa, i cavalli spaventati sono andati a ripararsi tra i monti, i cavalieri hanno faticato a radunarli tutti. La mattina raffiche di vento e nebbia hanno fatto temere il peggio: la transumanza non si può fare. Troppo pericoloso. Le rocce in bilico sui percorsi tradizionali metterebbero a repentaglio la vita di cavalli e cavalieri.

Con il Soccorso Alpino si cercano vie alternative ma nebbia e vento rendono impraticabili tutti i percorsi. Alle dieci la decisione: i cavalli scenderanno per la strada statale che collega Castelluccio a Norcia. Hanno impiegato quattro ore, tra nebbia, frane, rocce e detriti, hanno attraversato Norcia a cavallo e alla fine hanno raggiunto il pascolo a valle. Basterà per una decina di giorni, l'acqua scarseggia, ma in qualche modo si farà.

I colleghi agricoltori della Cia sono pronti a costruirgli un ricovero temporaneo per i cavalli e qualche giorno fa gli hanno consegnato una casetta mobile, calda e accogliente, basterà per passare l'inverno. La struttura a uso abitativo è stata donata da Cia Alessandria, Asti, Cuneo, Vercelli, VCO, Novara, in collaborazione con la Cantina Sociale di Vinchio e Vaglio.

Intanto Emiliano e il "Sibillini Ranch" continuano l'attività a Norcia, nonostante tutto. E poi arriverà marzo, la neve si scioglierà e i cavalli torneranno lassù, a Castelluccio, a pascolare sul Pian Grande. Perché noi non ce ne andiamo. Perché Castelluccio risorgerà.

il Territorio come Destino
Nuova agricoltura news
Bandiera verde
La spesa in campagna
Turismo verde