Attualità
Serve un accordo commerciale globale fra Ue e Regno Unito
17 Novembre 2017

La richiesta di Celcaa, Copa-Cogeca e FoodDrinkEurope dopo la Brexit

L'intera catena alimentare dell'UE, rappresentata dai produttori e dalle loro cooperative (Copa-Cogeca), dall'industria alimentare (FoodDrinkEurope) e dal commercio di materie prime e prodotti agroalimentari (Celcaa), richiede azioni specifiche per attenuare, per quanto possibile, qualsiasi effetto negativo della Brexit sul settore. Non va dimenticato che il commercio di materie prime agricole, prodotti alimentari e bevande rappresenta l'11% dei flussi commerciali bilaterali tra l'Ue 27 e il Regno Unito.

Le richieste sono:

• Prevedibilità, per evitare uno scenario "sull'orlo del precipizio". Ciò significa mantenere lo 'status quo' per un periodo transitorio, permettendo agli attuali accordi commerciali e doganali di continuare ampiamente immutati fino a quanto non entrerà in vigore un nuovo accordo commerciale. Ciò significa anche che tutte le sfide si presenterebbero contemporaneamente alla data di entrata in vigore del nuovo regime. In sintesi, le imprese hanno bisogno di conferme prima in merito al fatto che non saranno necessari cambiamenti sostanziali a partire dal primo giorno dopo l'uscita del Regno Unito dall'UE.

• Un accordo commerciale globale fra UE e Regno Unito. Senza un accordo commerciale tra UE e Regno Unito, lo scambio di prodotti agroalimentari in ambo le direzioni dovrà affrontare barriere tariffarie e non tariffarie. Se da un lato le tariffe possono essere alte per i prodotti agroalimentari, le misure non tariffarie saranno altrettanto esigenti. La reintroduzione delle dichiarazioni doganali potrebbe rivelarsi altresì dannosa in un contesto di traffico intenso in ambo le direzioni. Qualunque tipo di ritardo alle dogane porterà a un deterioramento delle merci e allo spreco alimentare. Più nello specifico, il confine fra Repubblica d'Irlanda e Irlanda del Nord richiederà soluzioni pratiche e creative. Il commercio fra l'UE a 27 e il Regno Unito si ritroverebbe anche ad affrontare controlli aggiuntivi, che aggiungerebbero costi per le imprese e i consumatori, in quanto con i paesi non appartenenti all'UE sono necessari certificati sanitari e veterinari e accordi sulle ispezioni.

• Un rapido chiarimento delle regole generali che si applicheranno alle norme di origine.


Tags: #europa #agroalimentare

Mondo CIA

Copyright © 2017 Cia, All Rights Reserved. Confederazione italiana agricoltori. Via Mariano Fortuny, 20 - 00196 Roma tel. 06 326871 cf: 80213630587 - Created by Web Agency Interact SpA 2017