La misura sospensiva in vigore non introduce alcun discrimine tra le specie cacciabili dannose per l’agricoltura e le altre.