Cia Grosseto: soddisfazione parziale per decreto Milleproroghe su sicurezza lavoro

10 marzo 2017
Cia Grosseto: soddisfazione parziale per decreto Milleproroghe su sicurezza lavoro
 

Il presidente Rabazzi: bene lo slittamento per l'aggiornamento del "patentino" per l'uso del trattore. Rammarico, invece, per mancata la proroga al provvedimento revisione macchine agricole. Il Governo non tiene conto dello stato di salute del settore primario.

"Accogliamo con soddisfazione che il decreto Milleproroghe, convertito in legge, ha accolto, seppur in parte, una nostra richiesta come Confederazione in ambito di sicurezza sul lavoro: la proroga dei corsi di aggiornamento per l'abilitazione all'utilizzo dei trattori, per chi può certificare un'esperienza pregressa di almeno due anni, oggi differita al 31 dicembre 2018." Enrico Rabazzi, presidente di Cia-Agricoltori italiani Grosseto commenta lo slittamento della data ultima per l'aggiornamento del patentino per trattori (per chi non ha acquisito tale esperienza o è privo di alcun titolo per guidare il trattore può consultare il link http://www.cia.grosseto.it/abilitazione-guida-macchine-agricole-proroga-scadenze/).

"Purtroppo -continua Rabazzi- la politica sembra non comprendere lo stato di salute del mondo agricolo e, anche questa volta, ha perso l'occasione per venire incontro alla nostra richiesta di prorogare il provvedimento relativo alla revisione delle macchine agricole. Come Cia Grosseto, lo abbiamo osteggiato da anni, oggi lo giudichiamo nebuloso e poco chiaro e, soprattutto, un regalo fatto all'industria ai danni del settore primario".

La richiesta di proroga aveva l'obiettivo di fare in primis chiarezza: per esempio spiegare chi sarà delegato alla revisione. Se sarà la Motorizzazione, al legislatore chiediamo se ha un'idea di quanto costerà trasportarvi il mezzo, un costo che non sarà solo monetario, ma anche di tempo e di impegno. Inoltre, non è ancora dato sapere quali mezzi dovranno essere collaudati, se tutti indistintamente o solo quelli che transiteranno su strada. Inutile sottolineare che, come Cia Grosseto, siamo poco favorevoli a quest'ultima ipotesi, ma nettamente contrari alla prima. Chiediamo semplificazione e invece si continua ad osteggiare un settore già fortemente tartassato.

Tutti questi balzelli -ricorda Rabazzi- vanno ad intaccare un settore già profondamente in crisi. Difficile pensare di poter sopravvivere in un mondo dove all'agricoltura vengono fatti pagare privilegi che andranno a favorire l'industria o altri settori. Dal Governo il settore primario si aspetta provvedimenti di sburocratizzazione e non nuove imposizioni.

Con queste leggi, le nostre aziende saranno sempre meno competitive e sempre meno in grado di garantire prodotti di eccellenza e di qualità soprattutto a fronte di un mercato globale sleale e privo di qualsiasi rispetto del concetto di reciprocità. Dalla politica ci aspettiamo rispetto e non nuove tasse. Per questo, come Cia Grosseto, intendiamo andare avanti e fare tutto il possibile per osteggiare questo, che giudichiamo un ennesimo dazio inutile e dannoso".

 

il Territorio come Destino
Nuova agricoltura news
Bandiera verde
La spesa in campagna
Turismo verde