Festival del Giornalismo Alimentare, Cia: media fondamentali per ridare centralità ad agricoltura

23 febbraio 2017
Festival del Giornalismo Alimentare, Cia: media fondamentali per ridare centralità ad agricoltura
 

La Confederazione main partner della manifestazione torinese giunta alla sua seconda edizione. 

Comunicare in maniera corretta e adeguata il settore alimentare è fondamentale per ridare un ruolo centrale all'agricoltura. Fornire informazioni, complete e puntuali, è importante per costruire una nuova consapevolezza attorno alla questione agroalimentare, alla sostenibilità ambientale e alla riduzione degli sprechi nella filiera. Questi i principi cardine sul quale la Cia-Agricoltori Italiani sceglie di aderire, in qualità di main partner, al Festival Internazionale del Giornalismo Alimentare.

A dimostrazione dell'importanza che gli agricoltori italiani attribuiscono ai media, la Confederazione partecipa a due panel in programma nella giornata inaugurale. Il presidente della Cia, Dino Scanavino, è presente oggi, in qualità di relatore, all'appuntamento "Si fa presto a dire "sostenibile". Impatto ambientale e sprechi nella filiera agroalimentare". Nel pomeriggio, invece, la responsabile del settore olio dell'associazione, Anna Rufolo, interviene sull'argomento "Olio d'oliva, un protagonista dell'informazione alimentare" per parlare di frodi, indicazioni nutrizionali e fare chiarezza sul prodotto simbolo della dieta mediterranea.  

Il food è un campo complesso e delicato, con implicazioni economiche, politiche, sociali e culturali, che comprende temi come la sicurezza alimentare e la lotta agli sprechi, la tutela dei consumatori e la difesa delle aree rurali, il cibo di qualità e la biodiversità, i mercati globali e la filiera corta, lo sviluppo sostenibile e la lotta ai cambiamenti climatici, la centralità degli agricoltori e la salvaguardia del suolo -ricorda la Cia-. Argomenti che oggi richiedono "professionisti dell'alimentare", giornalisti e food blogger in grado di imparare e approfondire costantemente, utilizzando media tradizionali e social network.

La stessa Cia attribuisce un ruolo strategico alla comunicazione all'interno della sua mission confederale: per rafforzare l'informazione verso i propri associati ma anche verso la società in generale, attraverso una qualificata ed efficace divulgazione di notizie, attività, progetti innovativi e proposte politiche tese al miglioramento dello "status" degli agricoltori in Italia e dei cittadini sempre più attenti a ciò che consumano e sempre più consapevoli dell'importanza del tema.