FRANCESCA CUPELLI
Az. Agricola "Castellonchio" Toscana

FRANCESCA CUPELLI

"La storia di una famiglia che non ha mai scelto di abbandonare la terra".

Può essere sintetizzata tutta in questa frase la storia di Francesca Cupelli, nata nel 1976 da una famiglia di contadini.  Conseguita la laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie presso l'Università di Pisa, nel 2004 diventa titolare dell'azienda agricola Castellonchio, situata a San Miniato in provincia di Pisa. Un'azienda che si tramanda di padre in figlio e prende il nome dalla storica villa padronale del Castellonchio.

Il padre Mario e i fratelli Armando, Amelio e Alfredo arrivano a San Miniato Basso nella primavera del '54, da un paesino delle Marche, trovando sistemazione in un podere della Fattoria Castelvecchio di circa 12 ettari pianeggianti.

Negli anni '60, anni di boom economico soprattutto nella zona del cuoio, la scelta di restare nell' agricoltura rappresenta una decisione controcorrente, e non solo per ragioni economiche ma anche ideologiche. Significava andar contro una mentalità assai diffusa che considerava i contadini di una condizione sociale di serie B. Papà Mario racconta infatti della vergogna di molti dei suoi coetanii nell'appartenere allo status sociale dell'agricoltore, al contrario di oggi che lavorare la terra è diventato quasi un lusso.

La famiglia di Francesca non solo non abbandona la terra ma decide di mettersi in proprio acquistando un podere vicino, proprio quello del Castellonchio. Nasce così l'Azienda Agricola F.lli Cupelli. Iniziano a coltivare cereali, viti e tabacco, ma soprattutto per quest'ultima produzione furono considerati i migliori coltivatori della zona, forse della Toscana. La loro competenza in materia è assoluta. Il tabacco, coltura redditizia all'epoca, ha permesso all'azienda di migliorare sempre di più e di fare importanti investimenti.

La superficie dell'azienda Castellonchio è di circa sei ettari, di cui quattro, destinati alla produzione ortofrutticola per il consumo fresco e i restanti a cereali e olivi.

Rispettando la stagionalità ed applicando le migliori tecniche culturali, nei mesi primaverili coltivano i carciofi Sanmminiatesi (circa 4000 piante), baccelli e piselli, mentre nei mesi estivi numerose varietà di pomodori, tra cui quello grinzoso di San Miniato. Inoltre peperoni, melanzane, cipolle, zucchine patate ed infine fiore all'occhiello dell'azienda cocomeri e meloni dolcissimi e di tutti i tipi. La coltivazione prosegue anche nei periodi invernali con cavoli di ogni tipo e verdura a foglia.

L'azienda Castellocchio si rivolge direttamente al consumatore finale che ogni giorno trova i prodotti appena colti nel loro punto vendita aziendale, aperto tutto l'anno, rifornendo anche gruppi di acquisto solidale e mense scolastiche.

L'imprenditrice toscana, insieme alla sua famiglia, crede molto nel suo lavoro come motore di ripresa e di sviluppo, considerando il mondo rurale e la coltivazione i punti forza di ogni società democratica, civile e sostenibile. Francesca, con la sua storia, è la dimostrazione che l'agricoltura può avere un futuro, anche se duro e in zone alle volte ancora tutte da costruire.

 


Nuova agricoltura news
Bandiera verde
La spesa in campagna
Turismo verde